mercoledì 22 aprile 2009

Spèza fantèla



Quande a coa del'envèrno
la sta pe' deslengeisse
e o ciao da primavea
i s'enàndia 'nte l'aia
envezendà da mile ciarmaleie,
Spèza - come na bèla fantèla
la se desvegia 'npetà.
O se mae i spricia làgreme,
perchè la senta i doloi de gente,
i figi ch'i serco travagio,
quei àotri ch'i han paùa de pèrdelo.
E 'nmentre ch'amiavo a primavea
aranpegasse sorv'ar Paròdi,
aveo paùa che la me voresse scorìe.
Ma ziando 'ntorno i òci,
ho visto che l'arideva:
adazo adazo o so,
con 'n artifìssio miacoloso,
i ea reùssì a scangiae quele làgreme
'n tanti margaitin!
(Roberto Della Vedova)

6 commenti:

Maffy ha detto...

SPEZIA FANCIULLA
Quando la coda dell'inverno
sta per svanire
ed il chiarore della primavera
s'avanza nell'aria
confuso tra mille cinguettii,
Spezia, come una bella fanciulla,
si sveglia impettita.
Il suo mare sprizza lacrime,
perchè lei sente i dolori della gente,
i figli che cercano lavoro,
altri che hanno paura di perderlo.
E mentre osservavo la primavera
arrampicarsi sul Parodi,
avevo paura che lei fosse irritata con me.
Ma, girando gli occhi attorno,
ho visto che rideva:
adagio adagio il sole,
con un artificio miracoloso,
era riuscito a trasformare quelle lacrime
in tante margheritine...

pino ha detto...

meno male hai messo la traduzione ;-)

katiu ha detto...

La prima riga l'avevo capita anche io :)

gillipixel ha detto...

è molto bella la musicalità del tuo dialetto, Maffy...è vero che la traduzione è inevitabile per chi non è del posto, ma è bellissimo anche lasciarsi andare all'armonia dei suoni anche senza capire sino in fondo...

farlocca farlocchissima ha detto...

bella poesia e bella città :-)

ANDREA ORCIARI ha detto...

e da buon genovese c'ero arrivato eh...
brava, bel post!!
a presto!
cia cia